Folgorato sulla via di Medjugorje

FOLGORATO SULLA VIA DI MEDJUGORJE
(Tratto dal "Eco di Maria")

Questa piccola famiglia vive le sue gioie. L’11 agosto è arrivato all’ora del Vespro un ragazzone di 20 anni: aveva strappato al capitano una licenza straordinaria:
“Non potevo rimanere in caserma nell’anniversario della mia conversione. Sono venuto a far festa con voi” E ridendo, felice come un bimbo, racconta la sua avventura. L’ascolto di Gianni diventa preghiera. Prima di un anno fa la mia vita era discoteche, donne – ne cambiavo una ogni sera -, giocaro a carte e bere senza pagare perchè vincevo sempre,e andare a casa ubriaco. Mai pensare a Dio, mai pregare. E sempre no a tutti gli inviti che mi venivano da parte degli zii, molto addentro a Medjugorje, perchè, ci andassi ancho o partecipassi ai loro gruppi. E no a tutte le occasioni che mi si offrivano di sentirne parlare.
Ma un giorno di ferie partii per la Jugoslavia, dove mi spingeva la voglia di divertirmi sulla spiaggia, non certo il desiderio di Medjugorje. Dopo una serie di contrattempi che ritardavano la mia tabella di marcia e mi facevano sorgere strani presentimenti, mi ha preso una gran voglia di correre. E più andavo avanti più correvo, pur nei pericoli delle strada per il traffico intenso: ho visto auto rovesciate, io stesso ho sfiorato diversi incidenti. Il passeggio offerto a una persona mi ha fatto ritardare due ore. Ero stanco e si faceva scuro. Dopo Makarska l’incidente che determinava la mia Conversione, come la folgore che ha fatto cadere Saulo da cavallo sulla via di Damasco. A un tratto mi trovai davanti sulla sinistra una macchina ferma, mentre una BMW tedesca , superandola, invadeva la mia corsia; e alla mia destra due bambine correvano sull’asfalto. Che fare? O gettarmi contro una delle macchine o contro le bambine per finire in mare ( non c’era parapetto). Non ho avuto tempo di frenare e, a tutta velocità, ho investito le bambine. Dopo 100 metri di zig-zag la mia macchina si fermò: ero illeso e voltandomi col cuore in gola vidi le bambine correre ancora, allegre, sul ciglio della strada. Mi tremavano le gambe. In quel momento è caduta la mia sicurezza. Non c’era più tempo per divertirsi. Lì ho cominciato a pregare. Da anni non riuscivo a dire un’Ave Maria. Ho cominciato a invocare Maria e a dirigermi verso Medjugorje.
Ancora incidenti: due macchine nel burrone, un’altra appena tirata sù, un camion mi accecava coi fari puntati. Era sfinito. Ora c’era solo un gran desiderio: arrivare a Medjugorje chiedevo ma nessuno… sapeva dov’era Medjugorje, o mi facevano sbagliare strada. Mi rivolsi alla polizia e chiesi Ljubuski” per non insospettirli. Di lì a Medjugorje il tratto è breve. Arrivai davanti alla Chiesa che era notte, ma con una grande gioia nel cuore e dissi: “grazie”. Nessuno seppe indicarmi la casa di Jelena dove erano ospiti gli zii. Dormii in macchina. Il giorno dopo,12 agnato ho preso la Messa in italiano alle 11 e una forza mi spinse a fare la comunione. Se avessi pensato al male fatto alle ragazze, a quelli che credevano, ai genitori, non sarebbe stato possibile fare la comunione senza confessione. Dopo la Messa ho cercato a lungo per la Chiesa un sacerdote disposto ad ascoltarmi; finalmente uno mi ha accolto in sacrestia. Dopo d’allora mi confessavo due volte al giorno, tanta era la gioia che provavo, e sempre mi seguiva un profumo di ciclamino. Pregavo davanti alla statua e sentivo il profumo. Durante la strada di ritorno ne avvertii di tre qualità diverse.
Tornato da Medjugorje ho dovuto tagliare con tutto e con tutti e così ho cominciato ad ascoltare quei sacerdoti che prima deridevo. Un padre spirituale mi ha aiutato, mi ha fatto un lungo discorso sul peccato, ho imparato come dovevano essere i veri rapporti cristiani con le ragazze. Dopo l’11 agosto non ho più frequentatò discoteche, o più guardato giornali pornografici, nè films. Il mio cuore cantava. Quando guardavo l’ostia alla elevazione pensavo: Tu Gesù mi hai guarito il cuore. Avrei spaccato i muri dalla gioia.

Ora sono in caserma da parecchi mesi. Poveri ragazzi! Un 10% hanno genitori in discordia o sanno che l’uno o l’altro ha l’amante. Un 10% tornano da casa dopo la licenza e la ragazza deve abortire. Quanti credono di trovare la felicità nel piacere! C’è chi partecipa a messe nere e disegna croci con data di nascita e di morte,o va a bivaccare sulla tomba di una ragazza morta tragicamente. Dispensano fotocopie di un foglio,su cui si è invitati a giurare fedeltà satana e si rinnega il battesimo ricevuto: firmano in tanti, poi si pentono, ma si drogano e hanno qualcosa dentro che li fa star male: satana è ministro di morte. Gli ufficiali pure stanno male e non sanno più che cosa inventare per far star male anche noi. Hanno una qrande sofferenza interiore. Il primo ufficiale è tutto una bestemmia. Mi trasferiscono al peggiore servizio: “Grazie Signore!”, ma non è questo il modo di trattare!

Io non sono mai stato felice come in questo periodo. Gesù ci ama. Io frequento un gruppo di preghiera fuori caserma. Affrontare dodici mesi di servizio militare senza pregare è impossibile. Nel mese di maggio sono caduto in una crisi depressiva: “Perché Gesù?” dicevo. Nessuno se ne è accorto. Con la fede ne sono venuto fuori da solo, accostandomi alla Messa quotidiana e alla confessione. Poi… Maria mi ha aiutato! Grazie a Gesù sono stato strumento di conversione per alcuni ragazzi, ma troppo pochi. Cerco di parlare di Gesù e di aiutare tutti. Se uno mi dice: “Come devo fare per essere contento come te” “Vatti a confessare”-rispondo io-. Ma tutti mi fanno esempi di preti che non fanno bene. Sì, non tutti i preti sono bravi, ma io dico loro: “Se cade una particola consacrata, tu la calpesti? Non dobbiamo sparlare di loro,ma pregare per loro”. Porò bisogna stare attenti a scegliere un prete che vada bene. Sì, in tutti i giovani c’è qualcosa di buono. Devi aspettare e chiedere l Signore che ti dia le parole giuste per toccarli nel cuore. Oggi sono andato a pregare con i genitori, a far la Via Crucis con loro. Sono felice, scoppio di gioia. E’ un anno che sto facendo questo cammino di fede. Lo auguro a tutti.
Priabona, 11 agosto 1987

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: