Cap 2, parte II

 

 Partenza di Maria Santissima per il tempio e il simbolismo dei profeti

Vidi alcuni parenti nella casa di Maria Santissima immersi nel sonno, era notte fonda. La santa Famiglia era già pronta per intraprendere il viaggio verso Gerusalemme. Vicino al focolare una lampada con numerose piccole luci illuminava la sala. Tutti si svegliarono e si posero lentamente in movimento. il giorno prima Gioacchino aveva già inviato per mezzo dei servi al tempio le bestie per il sacrificio. La spiegazione del racconto si riferiva tutta a Mosè. il fanciullo minore portava nelle mani il rotolo con lo scritto e lo faceva saltare di qua e di là come un giocattolo. Mai potrei descrivere la profonda e sincera simpatia che sentivo per quei fanciulli; erano ben diversi da tutti gli altri che si trovavano in quel luogo.

Senza poter stabilire veramente chi fossero costoro, la Veggente continuò a parlare con loro con un interesse ingenuo. Dopo un certo tempo, quando si sentì intimamente convinta, così si espresse:

"Ho compreso finalmente chi fossero quei ragazzi, essi non erano realmente presenti, ma erano simboli dei profeti. il maggiore portava il suo rotolo con estrema serietà. Mi mostrò quel passo del secondo libro di Mosè, quando questi vede nel roveto ardente il Signore, il quale gli ordina di levarsi i sandali. Il fanciullo mi spiegò come mai il roveto ardesse senza consumarsi e mi disse che similmente ardeva in Maria Santissima, era il fuoco dello Spirito Santo, che Lei portava innocentemente in sé, senza averne la minima coscienza. Il fanciulloprofeta mi parlò della prossima fusione della divinità con l’umanità. Il fuoco si riferiva a Dio, il roveto di spine agli uomini. Mi spiegò anche quale fosse il significato del levarsi i sandali di Mosè. Sebbene non mi rammento tutto, credo avesse detto che l’ora in cui "il velo" sarebbe caduto era prossima e con questa si sarebbe manifestato l’Essere superiore a Mosè e a tutti i profeti: Colui che avrebbe compiuto la Legge. L’altro fanciullo più semplice, che agitava il rotolo, simbolizzava la purezza e l’innocenza della Vergine Santissima ed il prossimo compimento della promessa divina.

A questo punto la Veggente, mentre era scossa dai dolori e dalle intime sofferenze, esclamo:

"Quanto è semplice e bello tutto ciò che mi riveli! Come distintamente tu ti manifesti a me! Eppure io non posso raccontare bene tutto quello che vedo, dimentico molto a causa delle dolorose e tristi vicende di questa vita terrena".

Verso la metà del novembre 1820, l’estatica parlando delle visioni che aveva avuto sulla resentazione di Maria Santissima al tempio, tornò a discorrere della comparsa di quei fanciulli, simboli dei profeti. La sera del 16 novembre, mentre la Emmerick dormiva, le fu posta vicino una cintura penitenziale, una larga fascia di cuoio con dei chiodi acuti. Questa cintura era stata fatta da una persona che usava grandi mortificazioni, però, mancando di una vera e illuminata direzione spirituale, passò all’esagerazione con la conseguenza che non riuscì più a portare lo strumento della penitenza. Quando la Veggente si svegliò, gettò via la cintura di mortificazione con queste parole:

"È irragionevole! Nei primi anni di gioventù ho portato una cintura di penitenza per mortificarmi, ma era fatta di piccoli pungiglioni di filo d’ottone. La persona che portava questa cintura avrà sofferto molte pene e poi alla fine non avrà potuto sopportarla più nemmeno un paio di minuti. Non possiamo assolutamente fare queste cose senza il permesso di una guida spirituale".

Il giorno dopo la Veggente così disse:

"Arrivai a Gerusalemme guidata dal mio Angelo custode, penso che fosse l’epoca degli antichi re Ebrei. Mentre peregrinavo alla ricerca della casa della Santa Madre Anna in Nazareth, incontrai i due fanciulliprofeti che facevano lo stesso cammino. Mostrai loro quella cintura di penitenza ed Eliafanciullo mi disse: "Questo è uno strumento di penitenza che non è lecito adoperare. Io ho portato una cintura penitenziale, poi l’ho lasciata sul monte Carmelo ai Carmelitani che sono discendenti del mio Ordine. La cintura che ho usato però non era così severa e mi ha giovato". Mi mostrò quindi la sua cintura larga come il palmo di una mano, era segnata con linee e simboli che si riferivano alle lotte e mortificazioni con il sé medesimo, al numero dei giorni per portarla indicati secondo la struttura degli uomini. Giungemmo all’abitazione di Anna, ma non potei entrare, il mio Angelo custode mi disse che per farlo dovevo ritornare all’età di nove anni, cioè prima dell’epoca in cui avevo trascorso tre anni a curarmi dell’abbigliamento e a farmi apprezzare vanamente dagli altri. Mentre riflettevo sulle parole dell’Angelo mi sentii spiritualmente di avere nove anni. Mi vidi nella casa di Anna e Maria Santissima mentre mi veniva incontro una vispa fanciulla di tre anni della mia stessa statura. Non mi meravigliai di avere in questa visione della mia vita spirituale nove anni, come non si meravigliavano i due profeti di essere presenti con lo spirito di fanciulli in quel luogo."

 

 In viaggio verso il tempio

Sull’arco della porta della casa di Anna vedemmo il gruppo partire alla volta di Gerusalemme. Era ancora notte. La Santissima Vergine indossava quell’abito gialliccio ricevuto dai sacerdoti per la prima fase d iniziazione, e si era avvolta nel suo gran velo che circondandole strettamente il corpo formava due rigonfiamenti in cui manteneva le braccia distese. Gioacchino conduceva l’asino dov’era seduta Maria Santissima, mentre si appoggiava ad un alto bastone alla cui sommità aveva un gran nodo di forma circolare come il classico bastone dei pellegrini. Anna lo precedeva di alcuni passi con la piccola Maria di Cleofa e una serva. Altre donne e ragazzi, tutti parenti, accompagnarono Anna per un tratto di cammino; poi, man mano, li vidi prendere la loro strada. Era con loro anche uno dei sacerdoti. Il piccolo corteo illuminava il tragitto tenendo le fiaccole accese. il chiarore delle fiamme si perdeva nello splendore della sacra Famiglia. Mi sembrò di camminare a fianco di Maria Santissima e dei fanciulliprofeti che spesso intonavano il salmo: Eructavit cor meum verbum; ed il nono: Deus deorum dominus locutus est, che dovevano essere cantati da due cori quando la fanciulla sarebbe entrata nel tempio. Quando si affacciò l’alba, la comitiva si fermò ai piedi di una collina, nei pressi di una fonte che dava vita ad un ruscelletto vicino ad un prato. In questo luogo i viaggiatori si riposarono presso un cespuglio di erbe balsamiche, che dopo raccolsero in alcuni vasi. Mangiarono col pane della frutta o bacche che crescevano sulle vicine siepi. Frattanto i fanciulliprofeti erano scomparsi dalla mia vista interiore. Compresi però che la piccola Vergine continuava a vederli con la fantasia propria di tutti i fanciulli, o come alcuni casi di adulti che vedono comparire le immagini dei Santi e delle Sante senza che siano visibili agli altri. il gruppo entrò in una casa isolata nella campagna, abitata dai parenti che accolsero i viaggiatori affettuosamente, offrendo loro cordiale accoglienza e rinfreschi. La piccola Maria di Cleofa fu rimandata indietro alla sua abitazione; non ne conosco il motivo. Dopo poco i viaggiatori ripresero il faticoso cammino sui monti e attraverso le valli nebbiose e ingombre di vapore, dove non si conserva traccia alcuna di vegetazione, al di fuori di alcuni rari luoghi su cui splende la luce del sole. Essi tennero durante il viaggio la stessa direzione che avrà Gesù tempo dopo, quando nel settembre del suo trentesimo anno partirà da Nazareth alla volta di Betania per farsi battezzare da Giovanni. Sempre la stessa direzione terrà anche la Sacra Famiglia nella fuga da Nazareth verso l’Egitto. Questo tragitto è disseminato da numerosi paesi sparsi nella vastità del paesaggio. La Famiglia si riposò a Nazara, un piccolo villaggio fra Massaloth ed una città posta sopra un alto monte. Questa fu la prima tappa. La città aveva mancanza d’acqua e perciò gli abitanti erano costretti a portarla dalla pianura con delle vasche legate da funi. L’ospizio dove i viaggiatori chiesero alloggio era posto ai piedi del monte.

Il 4 novembre 1821 Suor Emmerick proseguì il suo raccontò.

Questa sera vidi giungere ad una locanda non molto distante da Gerusalemme Gioacchino, Anna e la Beata Vergine Maria, erano preceduti da un’ancella e dal servo. Quest’albergo era solito ospitare i mandriani che conducevano al tempio le offerte sacrificali di Gioacchino. Vidi Maria Santissima dormire insieme con la madre. In questo giorno fui tanto occupata nel pensare alle anime infelici dei peccatori che dimenticai molte cose relative al viaggio di Maria.

Il 5 novembre 1821, Anna Caterina disse:

"Questa sera ho veduto i santi Viaggiatori giungere nella città di Bethoron che si trova vicinissima a Gerusalemme. La città sorge ai piedi di un monte. Prima di arrivarvi attraversarono un fiume che sbocca in mare, in vicinanza di un paese dove Pietro predicherà poco dopo la discesa dello Spirito Santo. Questa città è a sei ore di cammino da Gerusalemme. Bethoron è abitata da leviti; nei suoi dintorni vegetano rigogliose viti e piante da frutta. La santa Famiglia fu ospitata da amici; il padrone era un maestro che teneva nella sua casa una scuola di leviti. Fu grande il mio stupore nel veder qui riuniti nuovamente tutti i parenti di Anna e molte di quelle donne partite da Nazareth, Sephoris e Zabulon; essi, dopo aver assistito all’esame della Santa Vergine, si erano affrettati per vie più brevi a raggiungere Gerusalemme per preannunciarvi e prepararvi l’arrivo della santa Famiglia. Vidi pure la sorella maggiore della Madonna con Maria di Cleofa, partite da Sephoris, altre persone e numerosi fanciulli. Maria fu fatta sedere su una specie di trono e venne interrogata dal maestro della scuola e da altri astanti su diversi argomenti, dopo di che le posero una corona sul capo. Ascoltai che discorrevano anche di un’altra fanciulla molto savia di nome Susanna, che poi sarà tra le pie donne che seguiranno il Redentore. Questa ragazza aveva lasciato il tempio proprio in quei giorni per ritornare dai suoi genitori, Maria Santissima l’avrebbe sostituita coprendo il numero ammesso delle fanciulle. Susanna aveva lasciato il tempio all’età di quindici anni, aveva circa dodici anni più di Maria; era entrata nel tempio come Anna all’età di cinque anni. La Santa Vergine si sentiva molto felice di trovarsi così vicina al tempio. Suo padre piangeva e se la stringeva al petto continuando a dire: "Oh! Figlia mia, forse non ti rivedrò più". Frattanto il banchetto era pronto e tutti presero posto, vidi la piccola Maria che correva per la sala e spesso cingeva al collo sua madre con le sue deliziose manine".

Il 6 novembre Anna Caterina comunicò il seguito delle sue visioni:

"La santa Famiglia riparti per Gerusalemme, muovendo da Bethoron. Ad essa si associarono i parenti con i rispettivi figli, portando con loro i doni per Maria, vestiti e frutta. Mi sembrò che in quei giorni si svolgesse a Gerusalemme una grande festa. Nel viaggio non passarono né da Ussen Scheera e neppure da Gofria, bensì nelle vicinanze di questi luoghi".

 

 Arrivo a Gerusalemme: la città e il tempio L’abitazione dei sacerdoti La casa di Zaccaria

La stessa sera la Veggente riprese il racconto.

Ho visto l’arrivo a Gerusalemme della Beata Vergine e di tutto il suo seguito; era verso mezzogiorno. Gerusalemme era una città straordinaria: profonde vallate e colline circondavano le mura, alle quali si appoggiavano gli alti edifici che rivolgevano al centro le loro facciate. I quartieri venivano costruiti a ritmo accelerato, l’uno dopo l’altro, occupando a poco a poco tutte le colline circostanti fuori della città antica, lasciando però sussistere le antiche mura. Le valli erano collegate da ponti di pietra alti e massicci. Le stanze che davano nei cortili interni, protetti dall’ombra di grandi pergolati, erano quelle più abitate delle case. Gli abitanti di Gerusalemme lasciavano le loro dimore ed i cortili solo per recarsi al tempio o per i loro affari, perciò le strade non erano molto affollate. Infatti nelle contrade regnava un profondo silenzio, ad eccezione dei luoghi pubblici di mercato ed i palazzi del governo in cui vi era un movimento di guardie e di viaggiatori. Quando la popolazione veniva chiamata al tempio in occasione delle solennità religiose, alcuni quartieri si spopolavano e diventavano senza vita. Gesù poteva aggirarsi tranquillo con i suoi seguaci per quelle stradine, appunto per la vita silenziosa e tranquilla che vi regnava e per la solitudine assoluta in cui si trovavano molte vie che percorrevano le valli. Gerusalemme mancava d’acqua; lunghi acquedotti la conducevano in città e veniva inviata nelle alte torri per mezzo di pompe. Nel tempio c’era bisogno di molta acqua per abluzioni o per lavare i vasi sacri, perciò si prestava ogni attenzione per moderarne il consumo. Molti negozianti abitavano a Gerusalemme e tenevano depositata la merce sotto i portici che circondavano i mercati o in leggere capanne costruite sulle pubbliche piazze. Vicino alla "porta delle pecore" si trovavano molti negozianti di gioielli, oro e pietre preziose; essi pure vivevano in piccole capanne di forma rotonda e nere, come se fossero tinte di pece o resina. Sebbene queste fossero costruite con materiale leggero, erano assai solide. Contenevano tutto quello che occorreva per gli usi domestici, mentre la merce veniva esposta fra una capanna e l’altra. Il tempio sorgeva su un monte, ad un lato del quale c’era un lieve declivio con case e stradine. I sacerdoti ed i servi abitavano in questa zona della città. I rifiuti che venivano gettati dal tempio, come per esempio gli avanzi e le ossa degli animali sacrificati, venivano trasportati dai servi giù per questo declivio fino ad una grande fossa fuori dalle mura della città e poi bruciate per giorni e giorni. Alla sommità del monte dove sorgeva il tempio si vedeva vegetazione, i sacerdoti ne avevano fatto un giardino. Sotto il tempio si trovavano molte gallerie, sotterranei e fonderie di metalli. Nell’edificio tutto era massiccio e poderoso ma io non vi rinvenni alcun buon luogo. I numerosi cortili del tempio erano angusti ed oscuri, con molte panche e scanni esposti allo sguardo pubblico. I continui sacrifici cruenti ed il sangue che scorreva incessantemente, erano cosa davvero spiacevole, sebbene tutti i sacrifici venissero eseguiti con una grande precisione. Vidi i viaggiatori al seguito di Maria entrare in città, ma nonostante la porta nord fosse più vicina al loro cammino non entrarono da quel lato, bensì si diressero verso i giardini ed i palazzi di Gerusalemme verso la porta meridionale. Attraversarono una parte della valle di Giosafat, e lasciando a sinistra il monte degli Ulivi e la via di Betania, entrarono per "la porta delle pecore", che conduce al mercato delle bestie. Presso la porta c’era lo stagno nel quale si lavavano le pecore prima del sacrificio; questo non era lo stagno di Bethesda. Il corteo si inoltrò nelle strette vie della città fino al mercato del pesce, dove si trovava la casa paterna di Zaccaria di Hebron. In questa casa vi abitava un vecchio, forse lo zio di Zaccaria. Nonostante avesse finito il suo servizio sacerdotale al tempio, Zaccaria vi si era soffermato per assistere e preparare la presentazione della Santa Vergine. Molti parenti di Gioacchino erano rimasti ad attendere fuori della casa il gruppo di viaggiatori. Il sole picchiava rovente sul capo di quella gente: donne, uomini, giovani e fanciulle, adorne con ghirlande e ramoscelli, andarono impazienti incontro alla comitiva in arrivo. Vidi tra questa gente che attendeva anche due fanciulle nipoti di Elisabetta, giunte da Betlemme e da Helbron con i loro genitori. Elisabetta non era intervenuta. Tutti accolsero gli stanchi viaggiatori con grida di gioia e di indicibile allegrezza e li condussero nella casa di Zaccaria, dove ci fu un vero tripudio universale. Più tardi rientrò Zaccaria che volle accompagnare gli ospiti all’alloggio provvisorio presso il tempio. Allora tutti si disposero come in processione: Zaccaria, Anna e Gioacchino guidavano il folto gruppo di parenti e conoscenti della fanciulla consacrata al tempio, seguiva Maria Santissima che, in mezzo a tre o quattro fanciulle vestite di bianco, indossava il secondo abbigliamento solenne col mantello color azzurro, poi venivano i parenti delle quattro fandulleancelle con le loro famiglie. Passarono dinanzi al palazzo di Erode e poi alla futura abitazione di Pilato e per molte altre contrade. Avanzarono così, sfidando i raggi prepotenti del sole, verso il lato del tempio tra levante e settentrione, lasciandosi dietro la fortezza Antonia. Salirono molti gradini fino ad un alta muraglia. Vidi la Santa Fanciulla piena di vivacità salire rapidamente da sola i gradini, sotto lo sguardo ammirato ed attonito degli astanti. L’alloggio era un edificio vastissimo; numerosi locali simili si trovavano nelle vicinanze del tempio ed erano adibiti ad ospitare i visitatori giunti da lontano. Zaccaria aveva affittato quest’alloggio per la sacra Famiglia. Il locale era formato da quattro camere da letto, una sala grande per accogliere gli ospiti ed una cucina. Il mobilio consisteva in basse tavole. Vicinissimo si trovava l’altro cortile dove stavano le stalle con il gregge e le mandrie destinate ai sacrifici. Le due ali dell’edificio erano abitate dai servi del tempio. Quando la comitiva prese dimora in quest’appartamento, vennero dei servi a lavare i piedi agli uomini e delle serve alle donne, poiché questa era l’usanza tradizionale con i nuovi arrivati. Dopo questa cerimonia passarono in una sala al cui centro pendeva una gran candeliere a più luci, sotto il quale si trovava un largo bacino di bronzo colmo d’acqua nel quale ciascuno si lavò il viso e le mani. Gli asini liberati dai loro pesi, furono condotti nelle scuderie da un servo. Gioacchino annunziò di essere venuto per il sacrificio e, nel vicino cortile, lasciò esaminare ai servi del tempio le bestie. Dopo alcune ore, Gioacchino, Anna e Maria si recarono nell’abitazione di un sacerdote. Questa era posta in una posizione elevata. Maria Santissima, vivificata da un’energia incredibile e come spinta da uno spirito interiore, salì i gradini in pochi secondi. In quella casa vidi due sacerdoti: uno assai vecchio e l’altro più giovane. I prelati salutarono cortesemente i nuovi ospiti che erano già attesi. Ambedue erano tra quei sacerdoti che avevano partecipato all’esame di Maria a Nazareth. Li sentii parlare del viaggio e della prossima iniziazione della pia Fanciulla. Essi dissero che al tempio si trovavano delle celle in cui le vergini consacrate all’altare si ritiravano per la preghiera e la meditazione, inoltre potevano guardare inosservate l’interno del santuario. Quindi fecero chiamare un’anziana vedova addetta al luogo sacro che era incaricata di vegliare sulla piccola Maria. La matrona abitava con le altre donne in una casa vicino al tempio, ma alquanto discosta, si occupava dei lavori femminili e dell’educazione delle fanciulle. Si potrebbe paragonare nei tempi moderni ad una "maestra" dei nostri paesi, cioè a quelle donne dallo spirito devoto che riuniscono intorno alla loro esperienza le fanciulle del luogo che vogliono imparare il ricamo, a scrivere e a leggere per prepararsi alla vita coniugale. La donna arrivò quindi avvolta nella sua veste, e le si poteva scorgere a malapena parte del volto. Dai genitori e dai sacerdoti le fu presentata la futura allieva. Vidi il suo viso illuminarsi dalla gioia per quel nuovo compito che lei sentiva molto importante. La Santa Vergine l’accettò con un contegno umile e rispettoso. La matrona venne istruita sulla nuova pupilla e sulla consacrazione di quest’ultima al tempio, quindi accompagnò in silenzio la Vergine e i suoi genitori al loro alloggio per prendere in consegna gli effetti più preziosi della pia Fanciulla, poi se ne ritornò al tempio a disporre l’accoglienza della nuova arrivata.

Il 7 novembre Suor Emmerick continuò.

In tutto il giorno ebbi visioni che riguardavano i preparativi di Gioacchino per il sacrificio e l’accettazione di Maria al tempio. Allo spuntar dell’alba, Gioacchino ed alcuni altri condussero il bestiame al luogo sacro. I sacerdoti lo esaminarono di nuovo, le bestie che rifiutarono furono subito inviate al mercato mentre quelle accettate furono condotte nel cortile del macello, dove vidi eseguire alcune operazioni. Di queste ricordo solo che Gioacchino, prima che le bestie fossero uccise, poneva una mano sul loro capo. Poi vidi alcuni pezzi degli animali uccisi che furono salati e messi da parte per l’offerta sacrificale all’Altissimo. Sacerdoti e leviti si muovevano a due per volta regolarmente e con molta precisione. Nell’abitazione provvisoria di Anna e Gioacchino frattanto si teneva una festa solenne alla quale partecipavano ben cento persone. Tra queste vidi più di ventiquattro fanciulle di diverse età, anche la giovinetta Seraphia di dieci anni; costei, dopo la morte di Gesù, fu chiamata Veronica. Si erano preparate e disposte ghirlande e corone di fiori per Maria e per le persone che l’accompagnavano. Sette fiaccole adornate ardevano rendendo l’ambiente molto solenne. Vidi molti leviti e sacerdoti entrare ed uscire dalla stanza. Anche alcuni sacerdoti presero parte al banchetto mostrandosi stupiti per la generosità di Gioacchino, il quale dichiarò che la sua riconoscenza verso l’Altissimo era assai grande. Erano veramente lontani i tempi in cui egli si era visto rifiutare la sua offerta al tempio. Vidi Maria passeggiare nei pressi della casa in compagnia di altre fanciulle.

Maria Santissima viene presentata e accolta al tempio

L ‘8 novembre 1821, La Veggente così narrava:

"Di buon mattino Gioacchino, Zaccaria ed altri si avviarono al tempio, erano seguiti a poca distanza da Anna, Maria di Heli, la nipotina Maria di Cleofa e la Santa fanciulla Maria. La Vergine indossava la veste dal manto color azzurro, mentre le braccia e il collo erano ornate di corone; portava in mano una fiaccola ornata di fiori. Tre giovinette la accompagnavano, erano vestite di bianco con ricami d’oro e si coprivano con un mantello azzurro; tra le mani portavano fiaccole come quella della Santissima Vergine. Ghirlande di fiori ornavano le braccia ed il collo delle giovinette. Seguivano uno stuolo di fanciulle con lampade accese, erano le altre vergini consacrate al tempio vestite tutte a festa e con i mantelli sugli omeri. Dietro a loro seguiva ancora una lunga fila di donne. Alle prime luci dell’alba furono viste queste simpatiche persone snodarsi in corteo. Nell’andare dalla casa al tempio, la compagnia fece un largo giro attraversando diverse contrade cittadine. La gente, nel vedere quella santa processione, si prostrava e qualcuno aveva esposto degli addobbi in segno di riverenza devozionale. Nel contegno e nell’aspetto di Maria Santissima si notava la santità e l’emozione per il vicino evento solenne".

Dio ha colmato Maria delle grazie e dei doni soprannaturali più grandi, infatti l’Angelo la saluterà: "Ave Maria, piena di grazia”, come sede di tutte le grazie e i doni di Dio. La Santa Vergine si preparava così ad essere l’annuncio della primavera del mondo, Luce della salvezza di tutti gli uomini della terra.

Quando la processione giunse al tempio, vidi i servi indaffarati per aprire un’altissima e pesante porta scintillante, come se fosse d’oro. Infatti questa era proprio la “porta d’oro" sotto la quale passarono Anna e Gioacchino al tempo della Concezione. Per passare sotto questa porta bisognava salire una scala di quindici gradini. Si voleva condurre Maria per mano, ma Lei non volle, anzi piena di fervore salì rapidamente tutti i gradini senza mai inciampare; allora tutti la guardarono di nuovo ammirati e commossi. Vidi il banchetto già disposto e la pia Fanciulla che fu ricevuta da alcuni sacerdoti, i quali la condussero a destra dell’entrata, in un andito che si divideva in parecchie sale. In una di queste i sacerdoti sottoposero la Santa Fanciulla all’ultima prova con alcune domande. Frattanto le donne e i fanciulli si erano recati nell’oratorio e Gioacchino e Zaccaria preparavano il sacrificio. Infine, rimasti soddisfatti della saggezza di quella Bambina, i religiosi del tempio furono convinti in modo definitivo. Allora Anna la vestì del terzo abbigliamento solenne, quello violetto con il manto, il velo e la corona. Vidi Gioacchino, con due sacerdoti ai suoi lati, prendere il fuoco con una specie di braciere e porlo dinanzi ad un altare. I riti che accompagnarono l’offerta sacrificale della Santa Vergine all’Onnipotente e al tempio furono molto commoventi: all’altare si poteva accedere solo da tre lati, i pezzi degli animali sacrificati erano collocati circolarmente in vario modo. Mentre l’offerta di Gioacchino ardeva già sulla fiamma, Anna con Maria, accompagnate dalle donne, si erano recate all’atrio delle dimore femminili nel tempio. Una muraglia separava quest’atrio dal luogo del sacrificio, le donne potevano assistere al sacrificio da una porta semiaperta che dava direttamente sull’altare. In un luogo appartato si trovava uno stuolo di fanciulli, erano novizi biancovestiti, addetti al tempio; essi suonavano flauti ed arpe. Dopo il sacrificio fu collocata davanti alla porta che comunicava con l’atrio delle donne una specie di tavola ricoperta come un altare. Vidi poi Gioacchino, Zaccaria e un sacerdote che lasciarono il cortile per recarsi dinanzi all’altare dove li attendevano un altro sacerdote e due leviti, i quali tenevano in mano i sacri papiri e l’occorrente per scrivere. Anna vi condusse pure la figlia adornata con gli abiti cerimoniali. Le altre fanciulle che avevano accompagnato Maria Santissima si ritirarono in un angolo dell’immensa sala del tempio. La Santa Vergine, avvolta da un bagliore luminoso, s’inginocchiò mentre i genitori le imposero le mani sul capo; allora il sacerdote, tagliata una ciocca di capelli, la bruciò su un braciere. I genitori pronunciarono alcune parole rituali che accompagnarono l’offerta al tempio della Fanciulla. Queste parole venivano scritte dai leviti su una grande pergamena. Allora le fanciulle che stavano in disparte iniziarono a intonare il salmo quarantaquattresimo: Eructavit cor meum verbum bonum, ed i sacerdoti a loro volta il salmo quarantanovesimo: Deus deorum dominus locutus est. mentre dall’altra sala si levava la musica soave dei fanciulli. Vidi la Madonna infusa in una trascendenza di simboli celesti. Due sacerdoti, i più anziani, la presero per mano e, salendo alcuni gradini, la fecero sedere su una specie di trono fatto a nicchia dal quale Lei poteva dominare tutta l’immensa sala. I due preti rimasero ai suoi fianchi, mentre gli altri si erano disposti lungo i gradini e leggevano a voce alta le preghiere nei loro libri. Al di là della parete divisoria si vedeva un vecchio sacerdote che stava dinanzi all’ara delle oblazioni, aveva una statura così alta che metà del corpo era visibile al di sopra della parete stessa. Il fumo delle sue oblazioni saliva in nuvole e si disperdeva nell’etere dinanzi a Maria. Mentre si svolgeva la cerimonia vidi apparire un simbolo sotto il cuore della Vergine che, a poco a poco, pareva invadere il tempio intero. L’aureola sotto il cuore della Santa Fanciulla consacrata al tempio era certamente l’annuncio dell’Evento, la benedizione più grande tra tutte le grazie divine. L’arca di Noè stava per trasformarsi nell’Arca della nuova Alleanza. Poco dopo quelle immagini scomparvero e vidi comparire nell’aureola sotto il cuore di Maria, il Calice della santa Cena. Un pane segnato da una croce apparve sul Calice davanti alla bocca di Maria. Vidi quindi la Beata Vergine circondata da innumerevoli raggi di luce che mostravano alle loro estremità i misteri e i simboli a lei relativi, come quelli delle Litanie lauretane. Dalla spalla destra e sinistra della Vergine Santa si incrociavano due rami diversi, quello dell’ulivo e l’altro del cipresso i quali si appoggiavano ad una bella palma che, con un piccolo fiocco di foglie, vidi spuntare pure dietro il suo dorso. In mezzo a quelle verdi foglie si mostravano in piccola dimensione gli strumenti della Passione di Gesù. Poi lo Spirito Santo, in forma umana e di colomba assieme, si librò su Maria Santissima e i suoi simboli. Il Cielo era aperto e scorsi la Gerusalemme celeste, la città di Dio, con tutti i suoi giardini, i palazzi e le dimore, pronta per accoglière i futuri Santi e Martiri del Cristianesimo. Angeli giubilanti e l’aureola che circondava la Vergine riempivano la luminosissima visione. Questa visione è stata simile a quella del santo Rosario. I simboli che fanno riferimento alla Santa Vergine nell’Antico, nel Nuovo Testamento e nell’eternità, si tramutavano di continuo. Molte persone che sembrano sagge ne parlano con poca riverenza, mentre gente ignorante pratica la devozione del santo Rosario con sincero amore e spontaneità, ricevendone le grazie. Durante questa visione il tempio mi era apparso spoglio, come se avesse perduto ogni magnificenza e ornamento, perfino la meravigliosa e immensa sala dell’altare e del trono adesso mi sembrava una cosa rozza e meschina. Tutto cadeva nell’ombra e sembrava dissolversi dinanzi alla luce della magnificenza di Maria Santissima. Adesso io non avevo più dinanzi agli occhi Maria fanciulla, bensì la Vergine adulta, la Madonna. Il sacerdote del tempio esortò infine tutti i fedeli a ringraziare il Signore per aver loro concesso la presenza di quella Vergine, portatrice di grazie di inestimabile valore. Anche se nessuno degli astanti vedeva ciò che circondava la Santa Fanciulla, molti però ne percepivano la spiritualità sublime, per questo motivo li vidi assorti in solenne raccoglimento e profondo rispetto. A poco a poco tutto scomparve, rimase solo l’aureola splendente attorno al cuore di Maria Santissima. La promessa divina che si adempiva. Vidi allora la fine della cerimonia d’iniziazione: la Fanciulla abbigliata solennemente e circondata dai sacerdoti. Essi avevano ricoperto Maria con un velo bruno, e dopo averle tolto le corone dalle braccia e la fiaccola dalla mano, la fecero discendere dal trono e la condussero in una sala. Qui erano ad attenderla sei vergini adulte del tempio, appena la videro le andarono incontro spargendo dei fiori ai suoi piedi, davanti a Lei. Dietro stavano la maestra Noemi, zia di Lazzaro, la profetessa Anna ed un’altra matrona. Consegnata Maria a quelle donne, i sacerdoti, come anche i genitori ed i parenti, si ritirarono, mentre i canti e i cori cessarono lentamente. Tutto cadde nel profondo silenzio delle misteriose volte del tempio. Prima di allontanarsi, Gioacchino strinse al petto Maria e la pregò con le lacrime agli occhi di voler raccomandare a Dio l’anima sua. Dopo ciò Maria e le maestre, con le altre fanciulle, si ritirarono nella parte settentrionale dell’edificio riservata alle donne. Esse dimoravano in celle scavate nelle profondità delle mura del tempio e per mezzo di corridoi e di scale a chiocciola potevano salire in piccole stanze dove recitavano le loro preghiere vicine al Sancta Sanctorum. I parenti della Santa Vergine mangiarono nella sala vicina alla "porta d’oro" insieme ai sacerdoti. Sentii allora Anna dire entusiasta alle altre che l’attorniavano: "Adesso entra nel tempio il vero Spirito dell’Arca dell’Alleanza, il Vaso della Promessa divina". Non tutte capirono, ma quelle che compresero ebbero il concreto presentimento della predestinazione della Vergine. Finito il breve pasto, alcuni seguirono Anna e Gioacchino all’uscita del tempio, altri invece rimasero assorti in preghiera. Vidi che Anna, nonostante fosse di condizioni agiate, viveva nell’astinenza e senza prendere cibo caldo. Forse si limitava per far più elemosine ai poveri. La servitù invece era trattata e nutrita bene. Anna, Gioacchino ed i parenti partirono alla volta di Bethoron. Più tardi vidi le donne del tempio celebrare il rituale della "festa dell’accoglienza", nella quale Maria chiese alla maestra e alle condiscepole di essere ammessa tra loro. Poi seguì un banchetto e alcune danze sul tipo del minuetto. Talvolta, il ritmo delle danze richiedeva l’inchino del corpo come usano gli Ebrei durante la preghiera. Alcune vergini suonavano flauti, timpani ed altri strumenti, fra cui uno che era graditissimo all’orecchio e consisteva in una cassetta sulla quale erano stese le corde musicali. Lo strumento era tenuto sulle ginocchia della suonatrice. Infine Noemi condusse Maria nella piccola cella a Lei assegnata. Questa non era perfettamente quadrata e le pareti erano adorne di figure triangolari a vari colori. Il mobilio consisteva in uno scanno e un tavolino. In un angolo si trovava un giaciglio e un piccolo spazio per riporvi gli abiti. Maria Santissima pregò Noemi affinché le concedesse il permesso di alzarsi frequentemente la notte, ma quest’ultima per il momento non glielo permise. Le vergini del tempio erano velate e portavano vesti lunghe e larghe con maniche molto larghe. Tutte avevano delle cinture alla vita. All’epoca in cui Maria Santissima entrò al servizio del tempio, circa dodici anni prima della nascita di Gesù, erano in corso i restauri di quest’edificio.

21 novembre.

Oggi ho visto la cella abitata da Maria, era posta nella parte settentrionale della muraglia del tempio che si affaccia sul Santo, alla parete sinistra vidi un tappeto arrotolato che, steso sul pavimento, formava il suo giaciglio. Nella parte superiore vidi i piccoli oratori che comunicavano con le celle delle vergini. Quello di Maria era uno dei più vicini al Santissimo. Un corridoio era separato da una tenda, che formava una specie di anticamera con la sua cella. Vidi degli armadi dove si conservavano abiti e arnesi. Dalla parte laterale, vicino alla porta della cella di Maria, c’erano dei gradini che conducevano al piccolo oratorio, nel quale un’apertura praticata nel muro e ricoperta da un velo permetteva di vedere la sala del tempio. Una torcia era accesa in una nicchia nel muro della cella, vidi Maria aureolata di luce ed assorta nella lettura di alcune pergamene e rotoli con fiocchi rossi. La Santa Vergine portava una veste a righe bianche e celesti coperte di fiori gialli. Era veramente commovente vedere quella fanciulla così piccola e innocente immolarsi per la salvezza dell’umanità. Vidi Anna, l’addetta al tempio, che entrò e pose su un tavolino rotondo una piccola bottiglia e un piatto con della frutta dalla forma simile ai fagioli.

 

 Visioni intorno alla vita di Maria nel tempio

Nel corso di undici anni, nella ricorrenza della solenne presentazione della Santa Vergine al tempio, la Veggente rivelò le sue contemplazioni sul soggiorno di Maria in questo luogo.

Maria era per la sua età abbastanza abile nei servizi al tempio, vidi che trascorreva i suoi giorni nel luogo sacro lavando e tessendo esili bende attaccate a lunghi bastoni e adoperate dai sacerdoti, o la vidi intenta a lavare i vasi dei fiori e delle offerte. Spesso la scorsi solitaria nella sua cella, assorta nella preghiera e nella meditazione, immersa nello studio dei Sacri Testi e nel lavoro. Qualche volta la vidi in compagnia delle altre vergini nelle loro celle. Mai la vidi punita corporalmente o con la mortificazione, non ne aveva bisogno. Come tutte le sante persone si nutriva solo per conservarsi in vita, non usava altri cibi al di fuori di quelli che aveva scelto ed era tutta dedita alla continua offerta dei suoi voti fervidi. Alzava al cielo le più ferventi preghiere, e mentre tutti dormivano si alzava dal suo giaciglio e pregava, mentre abbondanti lacrime scorrevano, irrorandola di divino splendore. Quando divenne adulta, la sua veste mi apparve sempre più azzurra e scintillante. Durante la preghiera si teneva velata e così pure quando parlava con i sacerdoti o quando andava nella sala terrena del tempio a prendervi o a recarvi il lavoro. Il tempio aveva dai tre lati vasti locali in cui vi si conservavano molti arredi custoditi dalle ancelle; questi locali mi riportano alla mente le nostre sagrestie. Vidi la Beata Vergine passare i suoi giorni in contemplazione ed astinenza, rapita dall’entusiasmo della preghiera, sembrava quasi che non fosse sulla terra ma vivesse in una condizione spirituale di abnegazione assoluta. Compresi che spesso veniva consolata dalle benedizioni celesti. Immenso era il suo desiderio di vedere avverata la Profezia, nella sua umiltà osava appena accennare al desiderio di divenire un giorno l’infima serva della Madre del Salvatore. Non pensava nemmeno lontanamente di essere Lei la predestinata da Dio. Noemi aveva circa cinquant’anni e come le altre inservienti del tempio proveniva da famiglie essene. Da costei Maria Santissima imparò a tessere i nastri. La Vergine l’aiutava a ripulire i vasi e gli altri arredi sacri dal sangue delle vittime; l’aiutava inoltre in cucina nella preparazione dei pasti per le donne del tempio ed i sacerdoti. I pasti consistevano spesso in alcune parti della vittima sacrificata. Quanto più Noemi diventava anziana tanto più la Santa Fanciulla si affaccendava per soddisfare le esigenze della comunità religiosa. Zaccaria la visitava spesso quando era di servizio al tempio. Anche Simeone la conosceva. Ai sacerdoti non era ignota la predestinazione della Santa Vergine. La sua sapienza, la sua bontà, e tutto il suo contegno non erano passati inosservati agli attenti religiosi, nonostante Lei avesse cercato di velarli col più profondo senso di umiltà. In seguito ai loro vaticini e alle profonde meditazioni, i preti del tempio avevano saputo perché Costei viveva nel mondo pur senza prendere parte al mondo. Essi, specialmente i più anziani, scrissero molte cose intorno alla Madre di Dio. Infatti, se ben mi rammento, una volta mi vennero mostrati quegli scritti che giacevano polverosi in mezzo ad antichissime pergamene.

A questo punto l’estatica sospese le visioni della Madonna al tempio e diede invece alcune notizie sulla gioventù di San Giuseppe.

 

Visioni sulla gioventù di San Giuseppe

Queste visioni furono comunicate dalla Veggente il 18 marzo 1820 ed il 18 marzo 1821.

Vidi molte cose relative alla gioventù di San Giuseppe, dirò quello che mi rammento: Giuseppe era il terzo di sei fratelli. Suo padre si chiamava Giacobbe ed abitava in un grande edificio vicino a Betlemme. La costruzione, che era la casa paterna di Davide, aveva qualche similitudine con quelle dell’antica Roma, un lato dell’edificio era circondato da numerose colonne e da un ridente pergolato. Sotto questo portico vidi alcune figure o statue che mi parvero personaggi molto antichi. Da un lato del cortile vi era un pozzo ricoperto da un tempietto di pietra. Fontane simili a fauci di belva zampillavano acqua fresca. Non si vedevano finestre lungo il piano inferiore della casa, solamente alla sommità si scorgevano alcune aperture circolari. La casa aveva una sola porta. In alto, ai quattro lati, si mostravano delle piccole torri che terminavano in piccole cupole da dove si poteva osservare tutto quello che accadeva intorno senza essere visti. Il palazzo di Davide in Gerusalemme portava simili torri e fu appunto da una di queste che Davide osservò Betsabea nel bagno. Giuseppe e i fratelli dormivano tutti in una sola stanza vicino ad una torre, e appena sopra, al piano superiore, abitava un vecchio ebreo che era il loro istruttore. I letti erano disposti in cerchio; consistevano in tappeti che durante il giorno venivano arrotolati verso la parete. I diversi giacigli erano separati da stuoie mobili. Vidi questi fanciulli giocare con pupazzi raffiguranti animali in forma di "cagnotti" (così Anna Caterina usa chiamare tutte quelle figure di animali o quei brutti visi che non conosce). I genitori di Giuseppe, non saprei definirli buoni o tantomeno cattivi, non si curavano dei loro figli e avevano con loro ben pochi contatti. Giuseppe aveva circa otto anni e differiva assai nel contegno degli altri fratelli, aveva molto talento e imparava ogni cosa rapidamente; era di temperamento mite, semplice, silenzioso, devoto e senza superbia. Spesso veniva insultato dai fratelli che lo burlavano e lo perseguitavano. Ciascuno di essi aveva la propria aiuola, con dei pali sui quali si potevano scorgere delle immagini sacre, simili a quelle impresse sulle tende di Anna e Maria, al tempio in Gerusalemme e in tutto il mondo ebraico. Vidi quelle figure pure in Egitto, con qualche variazione. Pensai che rappresentassero Mosè quando ancor bambino fu lasciato sul Nilo. Vidi i fratelli distruggere l’aiuola, i cespugli, i fiori e gli alberi di Giuseppe, cagionandogli grave dolore. Durante la preghiera i fratelli lo prendevano a calci e lo urtavano con villania selvaggia. Vicino e dentro alla casa dei genitori di Giuseppe vidi donne della servitù portare acqua, lavare e scopare, arrotolare i letti e porre pareti di traliccio. I fratelli di Giuseppe parlavano e scherzavano con loro mentre egli era serio e riservato nel contegno. Le stanze, seppur simili nella struttura, erano più spaziose della casa di Anna. Giuseppe non godeva troppo la considerazione dei genitori perché era ingenuo e dedito alla preghiera. Per sottrarsi alle violenze dei fratelli, a dodici anni andò ad abitare presso alcune pie donne nei dintorni di Betlemme, dalla parte opposta del paese, precisamente vicino alla Grotta del Presepio. Le pie donne erano Essene che vivevano ritirate in spelonche ai piedi del monte sul quale sorgeva Betlemme, coltivavano piccoli giardini e istruivano i figli degli altri Esseni. Vidi Giuseppe che leggeva alcune preghiere da antiche pergamene e pregava con loro. Così egli si conquistava la propria pace e cresceva nello spirito mentre si occupava di semplici lavori di carpenteria lignea. Era al servizio di un vecchio falegname che aveva l’officina proprio in questo luogo, con lui Giuseppe imparava il mestiere e parlava di cose sante. Il giovane aveva appreso da un precettore, nella casa paterna, i principi di geometria che gli furono molto utili per il mestiere che aveva intrapreso. Vidi il giovane Giuseppe ritirarsi spesso in preghiera in quella stessa grotta che testimonierà più tardi la nascita del Redentore. A diciotto anni, siccome i fratelli malvagi continuavano a perseguitarlo, con l’aiuto di un conoscente si allontanò per sempre da Betlemme. Andò a guadagnarsi la vita a Libonah. Lavorò in questo paese alle dipendenze di un altro falegname, presso il quale Giuseppe ebbe l’occasione di perfezionarsi in questo mestiere. Il maestro abitava in un quartiere poverissimo, in una casupola appoggiata ad un vecchio muro che costeggiava uno stretto sentiero infossato nel monte. Mi sembrò che la stradina conducesse ad un castello diroccato su un colle. Giuseppe lavorava certi lunghi bastoni che servivano da sostegno ai tralicci. La stanza da lui abitata aveva pareti altissime con le finestre poste in alto. Il suo padrone era molto povero e si occupava di rozze costruzioni, Giuseppe era un lavoratore assennato e tutti gli volevano bene. Lo vidi raccogliere le schegge di legno e portar le assi e le travi sulle spalle. Alcuni anni dopo, quando passò per questo paese con la Santa Vergine, visitò l’officina in cui aveva lavorato. I fratelli frattanto, dopo una lunga ricerca, lo trovarono e lo sgridarono severamente per il suo modo di vivere tanto misero, allora Giuseppe per tutta risposta abbandonò Libonah per trasferirsi a Thanath, o Taanach, città non molto lontana da Megiddo sulla riva di un piccolo fiume (il Kison). Questo paese è vicino ad Apheke, terra d’origine di Tommaso l’apostolo. Giuseppe trovò alloggio presso un agiato legnaiolo che produceva buona falegnameria. In un altro tempo ho veduto che lavorava presso un altro falegname di Tiberiade, e che dimorava solo in una casa sulla riva di un fiume. A quel tempo egli aveva trentatre anni. La sua famiglia era decaduta, i genitori erano morti da molto tempo e due dei suoi fratelli vivevano ancora a Betlemme, gli altri si erano dispersi; la casa paterna era passata in altre mani. Giuseppe era un uomo assai pio e pregava con fervore per la venuta del Messia. Mentre pensava di adibire nella sua casa un angolo dedicatò alla preghiera, gli apparve un Angelo del Signore. Questi lo avverti che, per volere di Dio, come l’altro Giuseppe era divenuto amministratore dei granai dell’Egitto, egli sarebbe divenuto l’amministratore del granaio salvifico dell’umanità. L’umile uomo non lo comprese e continuò fervidamente la sua orazione, allora ebbe dal Cielo il comando concreto di recarsi al tempio per divenire lo sposo della Santa Vergine. Giuseppe ebbe un po’ di timore perché era un uomo molto casto ed evitava ogni relazione col sesso femminile.

Nel giorno di San Bartolomeo, il 24 agosto 1821, la Veggen te, tenendo tra le mani le reliquie di San Giuseppe, comunicò le visioni avute di un fratello maggiore del Santo:

Il padre di Bartolomeo di Gessur, dimorò un tempo presso i bagni di Betulia, poi si stabili nei dintorni della città anche perché aveva stretto amicizia sincera con Zadok, un fratello maggiore di San Giuseppe. Egli andò quindi ad abitare nelle vicinanze di Dabbeseth nella valle in cui abitava Zadok, uomo assai virtuoso. I due avevano una profonda stima reciproca e rimasero affezionati. il fratello maggiore di Giuseppe aveva due figli e due figlie che avevano buoni rapporti con la Santa Famiglia. Quando Maria Santissima e Giuseppe cercavano Gesù rimasto nel tempio, vidi che andarono a cercarlo anche presso i figli di Zadok. Questi giovani rimasero sempre amici di Gesù.

L’Angelo annuncia a Zaccaria la nascita di Giovanni

A causa della sterilità di Elisabetta, Zaccaria era ricevuto con freddezza al tempio. I sacerdoti mantenevano quest’atteggiamento anche quando lui era di servizio nel luogo sacro; ciò accadeva due volte all’anno. L’abitazione di Zaccaria non era proprio ad Hebron, ma poco lontana da Juta. Sembra, dai molti ruderi esistenti, che nell’antichità questi luoghi fossero stati congiunti in una sola città, estesa come Gerusalemme. In Hebron abitavano i sacerdoti minori, gli altri avevano la loro residenza a Juta. Zaccaria ed Elisabetta, in virtù della loro discendenza diretta da Aronne e per la loro devozione, erano molto considerati ed onorati presso quella popolazione; Zaccaria era considerato da molti come un sommo sacerdote. Il sant’uomo istruiva gli altri sacerdoti e pregava con loro, il che era una specie di preparazione all’imminente servizio al tempio. Infatti lo vidi, con alcuni di questi primi, ritirarsi per un periodo in un piccolo podere di sua proprietà a Juta. Gli stessi religiosi lo accompagnarono a Gerusalemme e là si fermarono ancora per quattro giorni, prima che Zaccaria venisse chiamato per officiare al tempio. Egli trascorse quel periodo in assoluta preghiera e meditazione per prepararsi all’ufficio liturgico. Lo vidi entrare nel Sancta Sanctorum e porsi dinanzi all’ara d’oro del sacrificio che ardeva all’entrata del santuario. Essendo stato tolto il soffitto che stava al di sopra dell’ara, si poteva scorgere liberamente il cielo sereno. Mentre Zaccaria entrava, un sacerdote gli disse qualcosa e se ne andò. Rimasto solo, Zaccaria entrò in una stanza oscura attraverso una tenda e vi prese qualcosa che bruciò sull’ara. Allora una figura luminosa scese su di lui e lo avvolse di splendore; lo vidi cadere a destra dell’altare rapito in estasi. Un Angelo lo rialzò e parlò con lui per molto tempo, vidi Zaccaria rispondergli. Un altro Angelo luminoso discese dal cielo e gli tolse qualcosa dal corpo, mentre il primo, dopo aver accolto la risposta di Zaccaria, gli immise una specie di corpicino luminoso nel fianco. Quest’apparizione fu simile a quella che ebbe Gioacchino, quando gli fu promesso dall’Angelo che sarebbe stata concepita la Santa Vergine. Vidi frattanto il popolo orante attendere inquieto, perché era consuetudine che il sacerdote subito dopo aver acceso il fuoco sull’ara del sacrificio uscisse dal luogo santo. Zaccaria era diventato muto, perciò prima di uscire scrisse su una tavoletta alcune parole. Il popolo si affollò intorno appena lo vide, ma egli continuava a mostrare a tutti la tavoletta. Poi mandò la medesima ad Elisabetta affinché fosse subito istruita delle promesse misericordiose del Signore. Egli scrisse alla sua sposa come era divenuto muto e che presto avrebbe fatto ritorno a casa. Anche Elisabetta ebbe una visione ma non saprei dire quale…

A causa delle atroci sofferenze che la tormentavano, la pia Suora interruppe la narrazione, noi con tinuiamo con i passi del Vangelo:

"Allora gli apparve un angelo del Signore, ritto alla destra dell’altare dell’incenso. Quando lo vide, Zaccaria si turbò e fu preso da timore. Ma l’angelo gli disse: «Non temere, Zaccaria, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, che chiamerai Giovanni. Avrai gioia ed esultanza e molti si rallegreranno della sua nascita, poiché egli sarà grande davanti al Signore; non berrà vino né bevande inebrianti, sarà pieno di Spirito Santo fin dal seno di sua madre e ricondurrà molti figli d’Israele al Signore loro Dio. Gli camminerà innanzi con lo spirito e la forza di Elia, per ricondurre i cuori dei padri verso i figli e i ribelli alla saggezza dei giusti e preparare al Signore un popolo ben disposto»" (Lc 1,11 55.).

La preghiera di Zaccaria di avere un figlio, da quanto lui stesso dirà subito dopo, non era molto recente. Giovanni, che sign:fica "Dio è misericordioso", ricevette il nome da Dio stesso. Non solo, ma venne san t?ficato da Dio fin nel grembo materno. Le sue rinunce ne fecero quasi un nazireo, consacrato con voto speciale a Dio (cfr. Nm 6,1>. La sua missione era ben delineata: sarebbe divenuto il precursore, colui che avrebbe spianato la strada al Messia, disponendo il popolo alla sua venuta. Egli era l’Elia, predetto da Malachia: "Ecco, io invierò il profeta Elia prima che giunga il giorno grande e terribile del Signore, perché converta il cuore dei padri verso i figli e il cuore dei figli verso i padri; così che io venendo non colpisca il paese con lo sterminio". Elia aveva valore simbolico, Giovanni era dotato dello spirito profetico e della forza di convinzione dell’antico profeta. Ma non era Elia ridisceso sulla terra. Quando gli venne chiesto se fosse Elia, Giovanni aveva risposto: "Non lo sono" (Gv 1,21). Tuttavia la sua assimilazione sarà confermata da Gesù: "Orbene, io vi dico che Elia è già venuto" (Mc 9,13). "Zaccaria disse all’angelo: «Come posso conoscere questo? Io sono vecchio e mia moglie è avanzata negli anni». L’angelo gli rispose: «Io sono Gabriele che sto al cospetto di Dio e sono stato mandato a parlarti e a portarti questo lieto annunzio. Ed ecco, sarai muto e non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose avverranno, perché non hai creduto alle mie parole, le quali si adempiranno a loro tempo»" (Lc 1,1820.). Zaccaria aveva chiesto un segno, perché la cosa gli sembrava incredibile, nonostante i precedenti biblici delle nascite di Isacco, Sansone e Samuele. Certo aveva mostrato poca fede: solo l’apparizione dell’Angelo avrebbe dovuto convincerlo. E il segno l’avrebbe avuto in se stesso: sarebbe rimasto muto fino alla nascita del bambino. E, come vedremo, anche sordo. "Intanto il popolo stava in attesa di Zaccaria, e si meravigliava per il suo indugiare nel tempio. Quando poi uscì e non poteva parlare loro, capirono che nel tempio aveva avuto una visione. Faceva loro dei cenni e restava muto" (Lc 1,2122). Forse il popolo attendeva anche la benedizione, che Zaccaria non potè pronunciare. Fece dei cenni per far capire che non poteva parlare. "Compiuti i giorni del suo servizio, tornò a casa. Dopo quei giorni Elisabetta, sua moglie, concepì e si tenne nascosta per cinque mesi e diceva: «Ecco che cosa ha fatto per me il Signore, nei giorni in cui si è degnato di togliere la mia vergogna tra gli uomini»" (Lc 1,2325.). Elisabetta si servì delle parole di Rachele (cfr. Gen 30,6) per ricordare la grande grazia di Dio. Per la donna ebrea era una grande vergogna non avere dei figli. Poi, forse anche per non dar luogo a strani commenti, l’anziana signora preferì restare appartata per cinque mesi. Dal nascondimento la trarrà la visita di Maria Santissima nel sesto mese.

Fonte: http://medjugorje.altervista.org/doc/visioni/emmerick///lavitadellamadonna/index.php


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: